Database digitale online – Risorsa2022-04-07T13:51:04+02:00
ItaStra - Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università degli Studi di Palermo

Descrizione

ItaStra nasce nel 2008 con l'obiettivo di promuovere attività didattiche, formative, di consulenza e di ricerca nel campo dell'insegnamento della lingua italiana, attraverso l'adozione di metodologie innovative e modelli centrati sulle persone. Dal 2012 convenzionata con il Comune di Palermo, la Scuola ha avviato un'intensa attività didattica e scientifica relativa all'inclusione e alfabetizzazione degli adulti migranti e dei minori stranieri non accompagnati (MSNA). I MSNA diventano stagisti e partecipano attivamente agli spazi di apprendimento con rifugiati, richiedenti asilo, studenti internazionali, visiting professors, partecipanti a progetti europei per i giovani, professionisti dei programmi di mobilità, ecc. Il modello didattico si concentra sulla centralità del discente e migliora le abilità civico-linguistiche non tradizionali. La Scuola offre corsi di lingua italiana e lezioni di grammatica, oltre ad attività extracurriculari (laboratori di cucina/fotografia/cinema/teatro e gite scolastiche) per scoprire la cultura italiana. ItaStra è inoltre promotore di diversi progetti, quali: - Studiare migrando, finalizzato alla realizzazione di una piattaforma e-learning per giovani migranti e MSNA, che risiedono in Italia e che stanno preparando gli esami finali del primo ciclo di istruzione. https://www.studiareemigrando.it/index.php/it/progetto.html - Ponti di parole: http://www.pontidiparole.com/ Riceve fondi governativi.

Categoria:
  • Buone prassi
  • Paese di origine/implementazione:
  • Italia
  • Lingua:
  • Italiano
  • Conformità con i risultati del dashboard:
    • Accesso alla scuola dell'obbligo
    • I bambini completano l'istruzione obbligatoria
    • I bambini mantengono la loro identità culturale mentre adottano nuovi valori culturali e competenze interculturali
    • I bambini permangono nell'istruzione (formale) oltre i livelli obbligatori / Accesso all'istruzione (formale) non obbligatoria
    • Competenze acquisite dai bambini a scuola
    • Competenza dei bambini nella lingua ospitante
    • Status giuridico dei bambini
    • Il senso di appartenenza dei bambini
    • Amici e pari (ponti)
    • Amici e pari (supporto)
    • Istituzioni
    • Insegnanti
    • Tipi e livelli di istruzione (formale) non obbligatoria frequentata

    Valutazone ex-post
    Una valutazione generale del lavoro di ItaStra è fornita dall'ISMU (vedi link sotto, p.167). L'esperienza di ItaStra ha rafforzato la capacità dei diversi attori di lavorare insieme (approccio multi-stakeholder) e ha stimolato la creazione di pratiche virtuose di accoglienza, alfabetizzazione e formazione. L'innovazione è garantita attraverso la condivisione degli spazi di apprendimento tra rifugiati, migranti, minori non accompagnati, studenti stranieri e insegnanti internazionali, nonché attraverso l'approccio centrato sul discente, la combinazione di spazi di apprendimento tradizionali e attività all'aperto e lo sviluppo di competenze linguistiche e competenze civiche.
    https://www.ismu.org/wp-content/uploads/2020/10/Rapporto-Alunni-con-background-migratorio-2_2020.pdf

    Materiali di progetto
    Sito web (vedi link sotto), pagina Facebook, canale YouTube, Twitter e Instagram. ItaStra ha raccolto nel tempo interviste e autobiografie.
    https://www.unipa.it/strutture/scuolaitalianastranieri/

    Replicabilità
    Il progetto è definito una buona pratica da ISMU (si veda link, p.166)
    https://www.ismu.org/wp-content/uploads/2020/10/Rapporto-Alunni-con-background-migratorio-2_2020.pdf

    Motivazione della scelta
    ItaStra è un'istituzione accademica che punta all'inclusione attraverso un'ampia gamma di attività: corsi, progetti, attività extracurriculari, ricerca. La sua metodologia si basa su un approccio centrato sulle persone e inclusivo attraverso la condivisione di spazi comuni (MSNA, rifugiati, richiedenti asilo, studenti internazionali, visiting professor, partecipanti ai progetti giovanili europei, professionisti dei programmi di mobilità, ecc.)

    Fondi:
  • Fondi del governo
  • Tipo di azione:
  • Attività extracurricolare
  • Corso di lingua
  • Ricerca
  • Formazione professionale
  • Destinatari:
  • Figli migranti (prima e/o seconda generazione)
  • Bambini migranti appena arrivati
  • Dirigenti, insegnanti
  • Bambini rifugiati e richiedenti asilo
  • Minori non accompagnati e separati
  • Professionisti coinvolti:
  • Accademici, ricercatori
  • Mediatori culturali
  • Insegnanti
  • Networking - Attori e istituzioni mobilitate dal progetto:
  • Governo
  • Autorità locali
  • ONG, organizzazioni del terzo settore
  • Scuole
  • Associazioni studenti/genitori
  • Università, centri di ricerca
  • Lastest news

    Together we make all the difference

    IMMERSE’s response to the arrival of refugee children from Ukraine

    Maggio 24th, 2022|Community, News, Publications|

    IMMERSE was born out of the concern for ensuring that Europe meets the challenges and the potential involved in the successful inclusion of all refugee and migrant children across the continent. Today, with the massive arrival of [...]

    Guiding principles for the reception and inclusion of refugee and migrant children

    Maggio 23rd, 2022|Awareness campaign, News, Resources|

    IMMERSE researchers have created a list of ten guiding principles, based on the results of a co-created methodology (involving children and other stakeholders) to define 30 key indicators to monitor socio-educational inclusion. Click on the image to read and download [...]

    Online Digital Database of good practices at national and EU level now available

    Aprile 30th, 2022|Community, News|

    IMMERSE has launched its online database with more than 100 resources aimed at identifying supportive environments, educational conditions and practical materials addressed to school leaders, teachers, educators, and social professionals involved in the socio-educational integration of refugee and migrant [...]