Database digitale online – Risorsa2022-04-07T13:51:04+02:00
ItaStra - Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università degli Studi di Palermo

Descrizione

ItaStra nasce nel 2008 con l'obiettivo di promuovere attività didattiche, formative, di consulenza e di ricerca nel campo dell'insegnamento della lingua italiana, attraverso l'adozione di metodologie innovative e modelli centrati sulle persone. Dal 2012 convenzionata con il Comune di Palermo, la Scuola ha avviato un'intensa attività didattica e scientifica relativa all'inclusione e alfabetizzazione degli adulti migranti e dei minori stranieri non accompagnati (MSNA). I MSNA diventano stagisti e partecipano attivamente agli spazi di apprendimento con rifugiati, richiedenti asilo, studenti internazionali, visiting professors, partecipanti a progetti europei per i giovani, professionisti dei programmi di mobilità, ecc. Il modello didattico si concentra sulla centralità del discente e migliora le abilità civico-linguistiche non tradizionali. La Scuola offre corsi di lingua italiana e lezioni di grammatica, oltre ad attività extracurriculari (laboratori di cucina/fotografia/cinema/teatro e gite scolastiche) per scoprire la cultura italiana. ItaStra è inoltre promotore di diversi progetti, quali: - Studiare migrando, finalizzato alla realizzazione di una piattaforma e-learning per giovani migranti e MSNA, che risiedono in Italia e che stanno preparando gli esami finali del primo ciclo di istruzione. https://www.studiareemigrando.it/index.php/it/progetto.html - Ponti di parole: http://www.pontidiparole.com/ Riceve fondi governativi.

Categoria:
  • Buone prassi
  • Paese di origine/implementazione:
  • Italia
  • Lingua:
  • Italiano
  • Conformità con i risultati del dashboard:
    • Accesso alla scuola dell'obbligo
    • I bambini completano l'istruzione obbligatoria
    • I bambini mantengono la loro identità culturale mentre adottano nuovi valori culturali e competenze interculturali
    • I bambini permangono nell'istruzione (formale) oltre i livelli obbligatori / Accesso all'istruzione (formale) non obbligatoria
    • Competenze acquisite dai bambini a scuola
    • Competenza dei bambini nella lingua ospitante
    • Status giuridico dei bambini
    • Il senso di appartenenza dei bambini
    • Amici e pari (ponti)
    • Amici e pari (supporto)
    • Istituzioni
    • Insegnanti
    • Tipi e livelli di istruzione (formale) non obbligatoria frequentata

    Valutazone ex-post
    Una valutazione generale del lavoro di ItaStra è fornita dall'ISMU (vedi link sotto, p.167). L'esperienza di ItaStra ha rafforzato la capacità dei diversi attori di lavorare insieme (approccio multi-stakeholder) e ha stimolato la creazione di pratiche virtuose di accoglienza, alfabetizzazione e formazione. L'innovazione è garantita attraverso la condivisione degli spazi di apprendimento tra rifugiati, migranti, minori non accompagnati, studenti stranieri e insegnanti internazionali, nonché attraverso l'approccio centrato sul discente, la combinazione di spazi di apprendimento tradizionali e attività all'aperto e lo sviluppo di competenze linguistiche e competenze civiche.
    https://www.ismu.org/wp-content/uploads/2020/10/Rapporto-Alunni-con-background-migratorio-2_2020.pdf

    Materiali di progetto
    Sito web (vedi link sotto), pagina Facebook, canale YouTube, Twitter e Instagram. ItaStra ha raccolto nel tempo interviste e autobiografie.
    https://www.unipa.it/strutture/scuolaitalianastranieri/

    Replicabilità
    Il progetto è definito una buona pratica da ISMU (si veda link, p.166)
    https://www.ismu.org/wp-content/uploads/2020/10/Rapporto-Alunni-con-background-migratorio-2_2020.pdf

    Motivazione della scelta
    ItaStra è un'istituzione accademica che punta all'inclusione attraverso un'ampia gamma di attività: corsi, progetti, attività extracurriculari, ricerca. La sua metodologia si basa su un approccio centrato sulle persone e inclusivo attraverso la condivisione di spazi comuni (MSNA, rifugiati, richiedenti asilo, studenti internazionali, visiting professor, partecipanti ai progetti giovanili europei, professionisti dei programmi di mobilità, ecc.)

    Fondi:
  • Fondi del governo
  • Tipo di azione:
  • Attività extracurricolare
  • Corso di lingua
  • Ricerca
  • Formazione professionale
  • Destinatari:
  • Figli migranti (prima e/o seconda generazione)
  • Bambini migranti appena arrivati
  • Dirigenti, insegnanti
  • Bambini rifugiati e richiedenti asilo
  • Minori non accompagnati e separati
  • Professionisti coinvolti:
  • Accademici, ricercatori
  • Mediatori culturali
  • Insegnanti
  • Networking - Attori e istituzioni mobilitate dal progetto:
  • Governo
  • Autorità locali
  • ONG, organizzazioni del terzo settore
  • Scuole
  • Associazioni studenti/genitori
  • Università, centri di ricerca
  • Lastest news

    Together we make all the difference

    Latest report on psychosocial integration and well-being indicators now available

    Novembre 12th, 2021|News|

    The last report on indicators of socio-educational integration of refugee and migrant children is now available. This paper is the third and final in a series of qualitative research carried out by IMMERSE partners in an initial phase of [...]

    Data collection among migrant and refugee children in Europe underway

    Ottobre 8th, 2021|News|

    After long delays due to Covid-19, IMMERSE has entered an exciting new phase of the project - large-scale primary data collection. This phase will be carried out for 24 months and will lead to a generation and collection of data [...]